Arcadia’s e-book is free and is compatible with a great variety of readers, both hardware and software.

For most devices, you’ll likely have to download the e-book file and upload it to your reader, via file manager or via a dedicated app: the exact steps, however, may vary.

Introduction

Questo volumetto raccoglie le poesie che ho pubblicato sul mio sito web, all’interno della sezione Arcadia, nel periodo giugno 2013 - giugno 2014: sono componimenti surreali, che trattano principalmente temi romantici e filosofici.

Il filo conduttore di questo viaggio di esplorazione e di crescita nel vasto universo della rappresentazione poetica è il ruolo centrale dei sogni e degli ideali nella vita umana: è grazie ai nostri princìpi, al nostro impegno, che possiamo pervenire al conseguimento delle nostre aspirazioni e, in ultima analisi, alla realizzazione di un mondo più gentile e più felice per tutti.

Non è un caso il fatto che un’immagine ricorrente - fortemente correlata alla dimensione onirica - sia proprio quella dei volatili, genuina espressione di libera creatività dal multiforme aspetto.

Un filone antitetico, ma pur complementare, è quello dominato dalla scena notturna, immersa nell’oscurità, ove risplendono la luna e la sua corte di stelle, sotto le quali cavalca, solitario, un misterioso cavaliere mascherato: un personaggio decisamente senza tempo, animato dai propri ideali, in perenne ricerca della loro manifestazione, ma sempre impegnato a rendersi loro latore.

Aristotele era solito dire che la filosofia nasce dal senso di meraviglia che proviamo di fronte al cosmo: ma perché, allora, esprimerlo necessariamente in forma razionale e oggettiva, rischiando di perdere tante sfumature di un tal sentimento? Da questo interrogativo prende le mosse il ruolo stesso della poesia: specialmente mediante figure retoriche quali la metafora, essa può giungere a divenire il legame - soggettivo - tra il mondo reale e quello dei sogni, in costante tensione verso una sintesi tra essi, senza soluzione di continuità.

Per quanto concerne le scelte linguistiche, ho optato prevalentemente per un registro elevato in italiano ottocentesco, in primo luogo perché sono da molti anni appassionato di opera; non mancano, però, poesie in francese moderno.

La forma poetica che ho impiegato è costantemente quella della quartina, soprattutto in versi baciati, anche se alcuni componimenti adottano la rima alternata; non ho seguito schemi metrici predefiniti, bensì miei criteri personali di eufonia, che spero risultino gradevoli ai lettori.

Ciò detto, auguro a tutti una buona lettura.

3 Giugno 2014.